Richiedi asilo o protezione internazionale negli Emirati Arabi Uniti

Se hai paura della persecuzione o del trattamento disumano nel tuo paese d'origine, puoi richiedere protezione (asilo). Ecco una breve descrizione di come richiedere asilo o protezione internazionale negli EAU.

Come fare domanda 

  • Per fare domanda devi essere negli Emirati Arabi Uniti o al confine. (L'unica eccezione a questo è il reinsediamento / quota dei rifugiati).
  •  Hai la responsabilità di raccontare i fatti alle autorità norvegesi. Nessuno dei due è punibile per legge.
  • Per richiedere la protezione devi andare alla polizia. Dovresti andare agli uffici del servizio di immigrazione della polizia nazionale. Verrai quindi inviato a una posizione di arrivo.
  • La polizia ti parlerà della registrazione della tua domanda. l'UDI ti interrogherà sul motivo per cui richiedi protezione. Quando ti sei registrato e hai sostenuto un colloquio hai diritto a un interprete. Gli interpreti hanno la responsabilità di essere riservati.
  • Se in seguito hai un figlio nato in Norvegia o in qualsiasi altra città, dovrai richiedere il permesso di casa del bambino.

Registrazione e intervista

  •  La polizia registrerà la tua domanda presso Ankomstsenter Østfold.
  • La polizia prenderà le tue impronte digitali e parlerà con te.
  • Devi dichiarare il tuo nome, età e indirizzo.
  • Invia il tuo passaporto e qualsiasi altro documento che puoi dirci chi sei.
  • Devi anche indicare il nome, l'età e l'indirizzo del tuo parente più stretto.
  • I poliziotti ti faranno anche altre domande a cui devi rispondere. Domande sul tuo viaggio in Norvegia, ad esempio, e sul motivo per cui richiedi protezione. 

NOTA:

  • La tubercolosi verrà controllata all'ospedale locale. 
  • Riceverai le informazioni adeguate sui tuoi diritti e doveri come richiedente asilo dall'Organizzazione norvegese per i richiedenti asilo (NOAS).
  • Nell'intervista riceverai dettagli su ciò di cui è importante parlare.
  • Dopo aver preso tutte le misure necessarie, puoi trasferirti al centro di accoglienza per asilo. L'UDI ti dirà quando avrai il colloquio per l'asilo. 

Minore non accompagnato che chiede una copertura

  •  Consentito a un rappresentante se hai meno di 18 anni e fai domanda per la difesa senza il supporto dei tuoi genitori. 
  •  C'è anche un test di invecchiamento.
  •  Dopo aver ottenuto la licenza dalla polizia della città, sarai inviato a un tipo di centro di transito.

Puoi lavorare prima che elabori la tua domanda?

Verifica se puoi lavorare come richiedente asilo prima di compilare la domanda. Quindi cerca come richiedere un permesso di lavoro per richiedenti asilo.

Esistono molti tipi di politiche diverse per i richiedenti asilo

  • Se vieni da un paese in cui le persone possono ottenere sostegno dal loro governo, la tua domanda di asilo può essere respinta entro 48 ore.
  • Se provieni da Bangladesh, Bielorussia, Nepal, Russia (solo di etnia russa) o Kosovo (solo minoranze), la tua domanda di asilo verrà elaborata entro tre settimane.
  • Tutti gli altri richiedenti fanno esaminare le loro domande secondo la normale procedura. Ciò significa che puoi rimanere in quella città mentre la tua domanda è in fase di elaborazione da parte dell'UDI e di solito riceverai una risposta dopo alcuni mesi.
  • Se commetti un reato e non hai bisogno di protezione, l'UDI deve riesaminare e negare la tua domanda di asilo entro breve tempo. Quindi queste informazioni ti aiuteranno a richiedere asilo o protezione internazionale negli Emirati Arabi Uniti.

 

 

I. ACCORDO sulla conoscenza
Uno Stato parte alla Conferenza del 1951 sullo status degli Emirati Arabi Uniti
Rifugiati e relativo protocollo del 1967 (convenzione del 1951). Né gli Emirati Arabi Uniti sono uno Stato parte della Convenzione sugli apolidi del 1954 o della Convenzione del 1961 Convenzione sull'eliminazione dell'apolidia.

  • Il rapporto tra l'UNHCR e il governo non ha una struttura legale
  • Gli Emirati Arabi Uniti. Successivamente è stato aperto l'ufficio dell'UNHCR negli Emirati Arabi Uniti
  • Opera sotto l'egida dell'UNDP nel 1986. Gli Emirati Arabi Uniti sono invitati a partecipare all'UNHCR.
  • Obblighi effettivi per tutte le questioni relative ai rifugiati nelle circostanze attuali
  • L'UNHCR determina lo status del paese.

Sebbene non esista un meccanismo legislativo per disciplinare le questioni relative all'asilo, il governo degli Emirati Arabi Uniti non rispetta gli standard internazionali di protezione dei rifugiati. Compreso il principio fondamentale di non respingimento.

Un totale di 707 richiedenti asilo e rifugiati sono stati accettati al 30 aprile 2012. Mandato) registrato presso l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Abu Dhabi, di cui il 75% sono iracheni. Il resto delle persone coinvolte

Caseload è composto da una miscela di varie nazionalità di Iran, Sudan e Somalia.

Servizi di supporto per le vittime della tratta

Proteggere e assistere tutte le vittime di tratta, comprese le vittime di sesso maschile, nel pieno rispetto della loro
diritti umani e includere un approccio basato sui diritti umani nelle indagini sui casi di
tratta che richiede che i bisogni di tutte le vittime siano posti al centro di ogni risposta.

Predisporre un sostegno adeguato, compresa la creazione di rifugi per uomini
vittime di sfruttamento lavorativo nonché maschi vittime di tratta, alla luce della prevalenza
dello sfruttamento lavorativo degli uomini negli EAU.

Fornire finanziamenti su base regolare ai fornitori di servizi e alla società civile al fine di consentire il
rafforzamento del livello di supporto psicologico, formazione, riabilitazione e recupero
sforzi per le vittime, assistenza alla traduzione e servizi di consulenza alle vittime di tratta
persone comprese quelle che non desiderano che la loro questione venga immediatamente presentata al
autorità o da rimpatriare.

Sicurezza per i rifugiati

L'UNHCR elogia il fatto che gli Stati Uniti arabi promuovano programmi di formazione eseguiti secondo la legge sui rifugiati. Include funzionari dell'immigrazione per i dipendenti delle forze dell'ordine, della sicurezza e degli aeroporti. Tali pratiche hanno aumentato la capacità di riconoscimento delle autorità. \

Persone bisognose e indirizzarle all'UNHCR della sicurezza internazionale. Negli Emirati Arabi Uniti, quindi, il coinvolgimento dell'UNHCR è stato accettato in molti casi di richiedenti asilo di emergenza. In o in custodia in aeroporto. Nessun caso forzato è stato segnalato dall'UNHCR

invito allo Special Rapporteur
L'UNHCR elogia l'iniziativa del governo degli Emirati Arabi Uniti di invitare e approvare
Relatrice speciale sulla tratta di esseri umani, in particolare donne e bambini, la signora Joy
Nell'aprile 2012, Ngozi Ezeilo.

L'UNHCR si è rallegrato della conoscenza del Relatore Unico per gli Emirati Arabi Uniti in materia di tratta di esseri umani. E la ratifica da parte del Paese della Conferenza transnazionale sulla criminalità organizzata e del Protocollo del trattato sulla prevenzione della tratta di persone, in particolare delle donne e della punizione
Il Protocollo di Palermo (Bambini). Modifiche costituzionali della nazionalità. Il Capo dell'Amministrazione, in occasione della 40a Giornata Nazionale degli Emirati Arabi Uniti, accetta il decreto dell'UNHCR Sheik Khalifah bin AlNahyan Zayed

Ad oggi, l'acquisizione di questo decreto ha portato a 1.117 bambini di nazionalità degli Emirati Arabi Uniti nati da donne che appartengono agli Emirati Arabi Uniti
Stranieri che hanno soddisfatto i criteri di cittadinanza all'età di 18 anni.

Prevenzione

Aumentare gli sforzi per aumentare la consapevolezza su tutte le forme di tratta di persone, compreso lo sfruttamento lavorativo, tra la popolazione generale negli Emirati Arabi Uniti, al fine di promuovere la comprensione di ciò che costituisce tratta.

Monitorare e valutare costantemente i programmi e le politiche di lavoro di prevenzione per assicurarsi che lo siano
efficace e non stigmatizzante e non contribuisce a stereotipi inutili delle vittime e
le loro comunità.

Accusa

Aumentare gli sforzi per perseguire i trafficanti garantendo nel contempo diritti a un processo equo coerenti con
approccio basato sui diritti umani alla risposta alla giustizia penale.
Garantire che le vittime / testimoni siano protetti prima del processo, durante e dopo il processo per evitare rappresaglie
attacchi.

Framework internazionale

Ratifica, senza indugio, la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti umani dei lavoratori migranti e loro
famiglie e la Convenzione ILO del 2011 sul lavoro dignitoso per i lavoratori domestici.
Continuare il suo ruolo di leadership nella regione araba e oltre nella lotta alla tratta di esseri umani,
proteggere i diritti dei lavoratori stranieri e la loro vulnerabilità a tutte le forme di tratta di esseri umani
persone.

Rafforzare la partnership con i paesi di origine in tutte le regioni, inclusi Africa e America Latina
America, ed estendere la cooperazione per lo scambio di informazioni e l'assistenza legale reciproca;
Fornire un certo livello di supporto nei paesi di origine per garantire la prevenzione e la sensibilizzazione
e definizione di politiche, meccanismi e livelli di attuazione comparabili, nonché
aiuti finanziari per creare fondi di sostegno alle vittime nei paesi meno sviluppati.

Fonte: https: /www.udi.no/en/want to / protect / asylum / asylum-protection

476 Visto